Archetipo. Psicologia Archetipica.

0
218
Archetyp - psicologia archetipica
Archetyp

Archetipo significa ‘primo esemplare’, ‘modello’. E’ stato Carl Gustav Jung ad introdurre il termine ‘archetipo’ nella psicologia. Egli considerava gli archetipi come modelli di comportamenti istintuali contenuti nell’inconscio collettivo. L’inconscio collettivo è quella parte di inconscio non individuale, non personale, ma universale, in quanto appartenente a tutta l’umanità e in ogni tempo. Potremmo dire un inconscio che ci tramandiamo da secoli, che fa parte della nostra essenza.

Ciò che è ‛archetipico’ appartiene quindi, a tutta la cultura, a tutte le forme dell’attività umana.

LA PSICOLOGIA ARCHETIPICA.

“Gli Dèi negli uomini e nelle donne”.

E’ il primo corso che Omeomundi dedica a questa affascinante psicologia che tutti noi possiamo comprendere. Partendo dalla storia degli antichi Dèi greci riusciremo ad individuare i nostri tratti di personalità, il nostro modo di vivere e di essere. Rispecchiandoci infatti, in queste divinità riusciremo ad aiutarci in momenti difficili oppure a capire meglio nostra figlia o i comportamenti di nostra madre. Il Capire, il Comprendere sono verbi che rappresentano un percorso che DEVE essere fatto. Imperativo per il nostro benessere e per quello dei nostri cari. In una sola parola: evolvere!

Archetipo. Continuiamo nella nostra introduzione.

Sulla scia di Jung, James Hillman (filosofo e psicoanalista) è ritenuto il fondatore della moderna Psicologia Archetipica. Questa è una psicologia che si collega con le arti, la cultura e la storia della società, le quali traggono anch’esse origine dall’immaginazione psichica collettiva. In questo senso è utile conoscere la mitologia, la storia delle religioni, le leggende, le fiabe, l’alchimia, ecc. Ad esempio, miti e favole sono espressioni di archetipi, così come lo sono molte immagini contenute nei sogni.

La presenza di modelli archetipici comuni a tutti, spiega le analogie fra i miti di molte culture diverse che, in quanto modelli preesistenti, influenzano il modo in cui ci comportiamo e reagiamo agli altri.

Da Jung deriva l’idea che le strutture fondamentali e universali della psiche, i modelli formali dei suoi sistemi relazionali, sono modelli archetipici. Come gli organi fisici, essi ci vengono dati sin dalla nascita.  L’intera struttura psichica è formata da immagini, per lo più archetipiche e la modalità con cui una persona si approccia a tali immagini, condiziona la personalità della persona stessa.

Archetipo e la mitologia.

Ecco perché è utile pensare alla mitologia come un macro-modello dell’esistenza umana. Così, i personaggi mitologici, rappresentano la migliore metafora per esprimere certi tratti di personalità.

Facciamo un esempio. Immaginiamo un uomo eccessivamente propenso al successo e alla carriera, con un pensiero prevalentemente logico e concreto. Un uomo che tende a spiegare i fenomeni della vita e le circostanze con un approccio esclusivamente razionale e governato dal caso, escludendo quindi altre prospettive. Un uomo che vive per raggiungere obiettivi importanti a costo di sacrificare la famiglia. Queste ed altre caratteristiche contraddistinguono l’archetipo di Apollo, dio del sole.                         

Oppure, una donna che soffre il conflitto fra la sua personale libertà decisionale  e il condizionamento più o meno inconscio della madre avrà come archetipo dominante, Persefone, ovvero il mito Demetra-Persefone, ancora oggi molto diffuso.

Alla luce di quanto premesso, l’approfondire gli archetipi mitologici e le loro storie è utile nell’ambito della psicoterapia archetipica, in quanto la conoscenza di archetipi sia femminili che maschili, diventa un prezioso strumento per comprendere l’origine delle proprie sofferenze e conflitti esistenziali, per poi superarli, trascenderli.

La ricerca della conoscenza è alla base della nostra vita, delle nostre scelte di vita! Non accontentiamoci. C’è sempre tempo per conoscere di più il nostro animo e vivere al meglio i nostri anni su questa terra.

Dott. Marco Franceschini

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui